Cos’é una landing page: 10 best practice per crearne una efficace

Landing page

Cos’è una landing page?

Una landing page (pagina di atterraggio) é una pagina web progettata per raggiungere uno specifico obiettivo. Questo può essere la compilazione di un form di contatto, la vendita di un servizio/prodotto, la richiesta di un preventivo, il download di un e-book ecc. La cosa fondamentale é che questo obiettivo che si vuole raggiungere sia unico, ed é questo quello che differenzia una landing page dalle altre pagine di un sito.

Per fare un esempio concreto, una landing page creata per un e-commerce avrà come obiettivo e sarà costruita per vendere un solo prodotto del negozio, non tutti i prodotti dell’e-store, così come una landing page di un’azienda che offre svariati servizi sarà finalizzata alla vendita di uno solo di questi, a differenza della classica pagina SERVIZI in cui verranno presentati tutti in maniera generica.

Come si evince anche dagli esempi precedenti, tutte le distrazioni devono essere ridotte al minimo e tutta la pagina deve essere progettata in modo tale da spingere e favorire la conversione dell’utente che la visita.

Vediamo 10 best practice da seguire per realizzare una landing page efficace:

1) Headline

L’headline deve essere chiara e specifica. Esattamente come avviene per i giornali o gli articoli di un blog, Il titolo é la prima cosa che l’utente vede e su cui si sofferma, di conseguenza deve invogliarlo a rimanere sulla pagina e chiarirgli e fargli capire immediatamente quale sarà l’argomento di quest’ultima.

2) Copy

I testi devono essere i più chiari e possibilmente brevi possibile, eliminando tutte le informazioni superflue e non necessarie per la conversione.

3) Benefici

Spiegare brevemente qual è il prodotto /servizio offerto, elencando i benefici che può trarne il potenziale cliente nell’utilizzarlo (magari usando dei bullet point, per facilitarne la lettura e la comprensione)

4) Testimonianze

Mostrare le recensioni e feedback di chi già utilizza il prodotto o servizio mettendo in evidenza come questo sia andato a risolvere un loro problema/esigenza. Cosa importantissima le testimonianze devono essere vere e possibilmente accompagnate da una foto per dare un volto ed una percezione più veritiera della persona che la lascia. In alcuni casi può essere pure importante scrivere il mestiere della persona che lascia il feedback, per esempio se si offrono servizi per strutture ricettive diventa rilevante il fatto che chi ha scritto la recensione gestisce un hotel invece che essere il proprietario di un panificio.

5) Principio di scarsità e urgenza

Fare leva sul principio di scarsità e su quello di urgenza dando un limite temporale all’offerta ed evidenziando come il prodotto o servizio sia in quantità limitata. Per esempio in un e-commerce si potrebbe offrire un prodotto scontato solo fino alle 24:00 del giorno seguente ed evidenziare come di quel prodotto siano rimaste solo poche unità in magazzino.

6) Immagine o video

Inserire un’immagine in cui si mostra il prodotto, o meglio ancora, un video in cui si spiega cos’è e come funziona lo renderà molto più tangibile e concreto agli occhi del visitatore della pagina aumentando le probabilità di conversione.

7) Menu di navigazione

Il menu di navigazione non deve necessariamente essere presente, in quanto può rappresentare una fonte di distrazione. Nel caso lo si volesse lasciare conviene mantenerne al minimo le voci, massimo 3 o 4.

8) Call to action

Deve essere presente una call-to-action, cioé una chiamata all’azione che invogli e sproni l’utente a compiere l’azione per la quale é stata costruita la pagina. Questa chiamata all’azione deve essere parlante ed usare un verbo imperativo, per esempio “scopri di più”, “chiama ora”, “clicca qui” ecc. Il bottone della CTA (call-to-action) deve essere visibile e di un colore che sia in contrasto con i colori della pagina, così da risultare subito evidente all’occhio.

9) Form di contatto

Il form di contatto non deve avere troppi campi da riempire e quindi richiedere troppe informazioni ma solo quelle necessarie (magari anche solo nome ed email). Questo perchè più informazioni vengono richieste più l’utente é scoraggiato a compilare il form.

10) Thank you page

Realizzare una thank you page, cioè una pagina di ringraziamento, su cui indirizzare l’utente dopo che ha compiuto la conversione. Questa é importantissima per svariati motivi, consente infatti:

  • di fare upsell, cioè vendere altri prodotti o servizi legati al primo;
  • di richiedere una condivisione sui social o l’iscrizione alla newsletter;
  • di tracciare le conversioni tramite l’inserimento di un apposito codice.

Conclusione

Hai visto cos’è una landing page e 10 best practice per crearne una efficace. Troppo spesso vediamo campagne sponsorizzate (google ads, facebook ads ecc) rimandare alla home page del sito o ad altre pagine generiche, riducendo di moltissimo l’efficacia di quest’ultime. Di contro la creazione di una landing page efficace aumenterà di molto il tasso di conversione delle tue campagne consentendoti di realizzare un ritorno sull’investimento notevolmente superiore.

Se ti interessa l’argomento e vuoi approfondirlo ti consiglio di leggere anche:

Come portare traffico su una Landing Page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Contattaci

Richiesta informazioni o preventivo