KPI SEO: come misurare l’efficacia di una campagna SEO

kpi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

La misurazione dei risultati é un elemento fondamentale in qualsiasi campagna di marketing e la SEO non fa eccezione a questa regola.

In quest’articolo vedrai cosa sono i KPI e le 7 metriche più importanti da monitorare per misurare il successo della tua campagna SEO.

Che cosa sono i KPI?

I KPI ( Key Performance Indicators ) sono delle metriche che consentono di misurare oggettivamente il successo di una determinata campagna o strategia di marketing. Grazie a questi indicatori strategici puoi sapere cosa sta funzionando o non sta funzionando nel tuo progetto e comprendere a che punto sei nel raggiungimento dei tuoi obiettivi.

7 KPI SEO da monitorare per misurare l’efficacia delle tue campagne SEO

1. Traffico organico

Il traffico organico é quello proveniente dai risultati non a pagamento dei motori di ricerca. Le visite organiche possono essere misurate in Google Analytics ed il loro costante aumento é uno degli obiettivi principali di una strategia SEO ben strutturata. Ricordati anche di tenere d’occhio il traffico diretto, ovvero quello proveniente da utenti che già conoscono il tuo sito o il tuo brand, perché ti consente di misurare l’aumento della tua popolarità (Brand Awareness).

2. Posizionamento parole chiave

Il monitoraggio del posizionamento delle parole chiave inerenti al tuo business ti consente di sapere se stai lavorando bene o meno e se devi mettere in atto misure correttive. Per questa tipologia di analisi puoi servirti di tool come Seozoom o Semrush tenendo presente che alcune fluttuazioni potrebbero essere dovute ad aggiornamenti dell’algoritmo di Google che possono favorirti o penalizzarti.

3. Frequenza di rimbalzo

La frequenza di rimbalzo è una metrica che misura la percentuale di visitatori che escono dal sito senza aver intrapreso alcuna azione e la sua analisi ti aiuta a capire se le tue pagine di destinazione soddisfano la ricerca degli utenti. Tieni presente che anche se la frequenza di rimbalzo media é compresa fra il 40% e il 60% non sempre un’alta frequenza di rimbalzo é una cosa negativa e che questa deve essere sempre analizzata caso per caso e contestualizzata alla tipologia di sito.

Per approfondire: Frequenza di rimbalzo: cos’é e come ridurla

4. Velocità di caricamento delle pagine

Anche la velocità di caricamento delle tue pagine e del tuo sito in generale é una metrica fondamentale da prendere in considerazione. Gli utenti stanno diventando sempre più impazienti e se il sito é troppo lento lo abbandonano ancor prima che il contenuto sia stato caricato. Per questo motivo i motori di ricerca, ed in particolare Google, tendono a penalizzare i siti che caricano oltre i 3 secondi. Per controllare la velocità di caricamento delle tue pagine puoi servirti di tool gratuiti come Pingdom, GTmetrix o Google PageSpeed Insights.

Per approfondire: Come velocizzare un sito WordPress

5. Numero di pagine indicizzate

Monitorare le tue pagine indicizzate è un altro KPI SEO fondamentale, poiché le pagine non indicizzate non verranno mai visitate dagli utenti. Per favorire l’indicizzazione delle tue pagine invia la sitemap tramite Google Search Console e assicurati di non aver bloccato involontariamente alcune pagine nel file robots.txt.

Per approfondire: Indicizzazione: come indicizzare un sito

6. Numero di pagine visualizzate per sessione

Un altro indicatore di rendimento delle performance del tuo sito é il numero di pagine visualizzate per sessione dall’utente. Più é alto questo numero maggiore é l’interesse degli utenti per il tuo sito. Anche questa metrica puoi monitorala utilizzando Google Analytics.

7. Conversioni

Portare traffico ad un sito é assolutamente inutile se questi visitatori non generano una conversione. Tieni presente che quando si parla di conversione non ci si riferisce esclusivamente alla vendita di un prodotto o servizio ma qualsiasi azione sul sito può essere considerata una conversione.

Esempi di conversione possono essere: la registrazione alla newsletter, una richiesta di preventivo, una chiamata, il download di un documento, i click su annunci o banner per un sito editoriale, l’iscrizione ad un tuo servizio gratuito in cambio dei dati personali come nome e email ecc.

Le conversioni possono essere impostate e tracciate in Google Analytics.

Conclusione

Hai visto cosa sono i KPI e 7 metriche da monitorare per misurare l’efficacia della tua campagna SEO. Prima di iniziare il tuo progetto scegli i KPI più adatti al tuo business e monitorali costantemente per verificare se le azioni che stai attuando stanno dando risultati o se è necessario intraprendere azioni correttive.

Se vuoi ottimizzare il tuo sito per i motori di ricerca ti consiglio di leggere anche:

Heading Tag: cosa sono e come ottimizzarli

Come ottimizzare le immagini per i motori di ricerca

SEO copywriting: cos’è e a cosa serve

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Contattaci

Richiesta informazioni o preventivo